NOME GRUPPO FISICA DELL'ATMOSFERA (CETEMPS)
RESPONSABILE SCIENTIFICO Prof. Rossella Ferretti, Prof. Giovanni Pitari, DSFC – Università L’Aquila
SITO WEB

 http://cetemps.aquila.infn.it

SETTORI ERC PE10,  PE10_1, PE10_14, PE10_16, PE10_3
Componenti (personale strutturato) Curci G., Di Carlo P., Ferretti R., Pitari G., Redaelli G., Rizi V., Verdecchia M.
Presentazione Studio di processi fisici e chimici rilevanti per la composizione e la dinamica dell'atmosfera terrestre, finalizzati allo studio di variabilità climatica, meteorologica e del campo di radiazione, con strumenti modellistici e sperimentali.
Argomenti trattati

Composizione atmosferica, radiazione, telerilevamento
L'obiettivo generale della ricerca è l'avanzamento nella conoscenza della composizione atmosferica e la riduzione delle incertezze legate al suo impatto sul sistema atmosfera-radiazione-clima, mediante studi condotti nell'ambito di collaborazioni internazionali. Le attività attualmente svolte riguardano: la sensibilità radiativo-climatica a tecniche di geo-ingegneria;  lo studio della fotochimica e del trasporto dell'ozono atmosferico e dei suoi precursori; il radiosondaggio da palloni sonda; la valutazione dell'impatto radiativo diretto e indiretto degli aerosol atmosferici e delle emissioni da flotte aeree sulla composizione atmosferica e sul trasferimento radiativo;  lo studio dei processi fisico-chimici e del trasporto a larga scala di composti naturali ed antropici nella bassa atmosfera e qualità dell'aria; telerilevamento dei profili verticali delle proprietà ottiche degli aerosol atmosferici e impatto degli eventi di trasporto a larga scala.
Meteorologia, idrologia, clima
Tra le attività di rilevanza internazionale c'è stata l'organizzazione della campagna internazionale HyMeX tenutasi sul bacino del Mediterraneo e la costruzione del data set costruito con le osservazioni ed i modelli meteorologici ed idrologici, al fine di capire i processi fisici e migliorare i modelli stessi. Il gruppo, che ha partecipato come referente Meteorologico italiano, si sta dedicando allo studio di alcuni aspetti come gli eventi meteorologici significativi che sono stati osservati durante la campagna allo scopo di validare e migliorare la previsione meteorologica ed idrologica operativa.
Inoltre, viene affrontato lo studio dei possibili effetti dei cambiamenti climatici sul ciclo idrologico con particolare riferimento a possibili aumenti dei fenomeni critici in grado di provocare esondazioni e danni al territorio. Nell'ambito di questa attività viene utilizzata l'analisi statistica bayesiana dei dati climatici per il miglioramento delle capacità previsionali dei modelli climatici. In futuro si continuerà l'analisi delle variazioni dei ghiacci alle alte latitudini sui regimi meteorologici a medie latitudini. Verrà anche sviluppato un sistema operativo per la realizzazione di previsioni climatiche stagionali sul bacino del Mediterraneo.
Metodologie per le misure di gas atmosferici in traccia e del particolato
Gli obiettivi principali riguardano lo studio degli effetti delle attività umane e dei fenomeni naturali sul degrado della qualità dell'aria attraverso diverse campagne internazionali intensive e la realizzazione di nuovi sistemi osservativi per misure di parametri chimico-fisici dell'atmosfera. In dettaglio gli obiettivi possono essere così sintetizzati: Osservazione di composti in traccia a bordo di aerei strumentati in campagne di misura intensive; monitoraggio al suolo di parametri chimico-fisici dell'atmosfera. Studio dell'evoluzione dell'ozono e dei suoi precursori in aree metropolitane. Monitoraggio dei parametri chimico-fisici dell'atmosfera e studio, mediante modelli statistici, dei loro effetti sulla produzione dei tartufi. In quest'ambito avviene lo sviluppo di sistemi osservativi compatti per network osservativi a basso costo e aeromobili telecomandati. Fanno parte di questo insieme di attività lo studio dei radicali atmosferici che controllano la chimica notturna troposferica, il confronto tra modelli a box ed osservazioni a bordo di aerei e lo sviluppo di modelli  statistici per lo studio degli effetti di terremoti sulla biodiversità.

Apparecchiature importanti Stazione Lidar (inserita nella rete europea EARLINET) e fotometro solare (inserito nella rete globale AERONET) per misure di aerosol.
Sensori su palloni sonda per misure di ozono.
Analizzatore Radon a cella di scintillazione, analizzatore O3 ad assorbimento UV, analizzatore NOx a luce di fluorescenza, spettrometro multicanale e campionatore a membrana per aerosol atmosferici per misure in situ della composizione chimica atmosferica.
Due radar meteorologici siti rispettivamente sul  monte Midia e a L'Aquila, ricevitore dati da satellite Meteosat, rete idrografica abruzzese per misure di campi meteorologici.
Sistema LIF per la misura diretta di ossidi di azoto sia a terra che su aereo.
Osservatorio climatologico Portella del Gran Sasso (inserito nel progetto SHARE – Stazioni ad Alta Quota per la Ricerca sull'Ambiente) per la misura in alta montagna di grandezze dinamiche e chimiche dell’atmosfera.

 

 freccia sx

logo senza iniziali 32

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web. Continuando nella navigazione ne accetti l'uso.