NOME GRUPPO FISICA TEORICA DELLE PARTICELLE ELEMENTARI
RESPONSABILE SCIENTIFICO Prof. Berejiani Zourab, DSFC - Università L'Aquila
SITO WEB  
SETTORI ERC PE2_1,  PE2_13, PE2_2, PE2_4
Componenti (personale strutturato) Pilo L., Villante F.L.
Presentazione Ricerca focalizzata su fisica teorica particellare e astroparticellare.
Argomenti trattati

Modello standard delle interazioni fondamentali e sue estensioni

Masse e oscillazioni dei neutrini

Cosmologia dell’universo primordiale

Materia oscura cosmologica e candidati particellari

Astrofisica particellare

Modificazione della gravità
L'enorme mole di dati su scala cosmologica, se interpretati alla luce del modello cosmologico
standard, ci dicono che circa il  68%  del nostro universo è composto di energia oscura (dark energy); della parte rimanente solo una piccola parte può essere attribuita alla materia ordinaria. L'aggettivo oscuro, quindi non è solo indica solo il suo carattere non luminoso, ma è anche sinonimo di sconosciuto. Nei modelli di gravità modifica, l'obbiettivo da un punto di vista fenomenologico  è quello di spiegare l'attuale accelerazione dell'universo attraverso una modificazione delle relatività generale a distanze  cosmologiche. Uno dei modelli di energia oscura più interessanti si basa sull'idea che esista una fase massiva della gravità, esattamente come capita per altre interazioni fondamentali: quella elettromagnetica (superconduttività a bassa temperatura) e quella debole (decadimento beta). In questa scenario il gravitone acquisterebbe una piccola massa, dell'ordine della parametro di Hubble odierno. Tuttavia, a differenza delle teorie di gauge, la fase con massa della gravità è particolarmente ardua da costruire. Lo studio dei modelli di gravità con massa  ed in generale di gravità modificata a grande distanza e delle proprietà cosmologiche di tali teorie costituisce un'area di ricerca molto importante attualmente.

Sistemi Compatti
Lo studio di occupa di caratterizzare i sistemi auto-gravitanti compatti con  massa dell'ordine di  qualche volta quella del sole con un raggio dell'ordine di 10 Km. La densità di tali sistemi è più grande di quella della materia nucleare ordinaria la cui equazione di stato non e' completamente chiara. Si conoscono molti sistemi di questo tipo di solito, i più noti sono le stelle di neutroni. Le proprietà meccaniche, elettromagnetiche   e gravitazionali dipendono dall'equazione di stato. Una possibilità interessante è che ad alte densità diventi energeticamente favorevole il deconfinamento dei quarks.
La struttura risultante è una strange star. Le stelle di neutroni potrebbe avere sia una zona di quark deconfinati invece che di neutroni; sono anche possibile strutture compatte formate di sola materia deconfinata. Lo studio dell'emissione  di onde gravitazioni da parte di tali sistemi è particolarmente importante anche in funzione della seconda generazione di rivelatori (advanced VIRGO , advanced LIGO che cominceranno a prendere dati in tempi brevi.

Onde Gravitazionali
Propagazione e generazione di onde gravitazioni da sistemi compatti e in contesto cosmologico sia nell’ambito della relatività generale che nel contesto di teoria di gravità modificata

Apparecchiature importanti  

 

freccia sx

logo senza iniziali 32

Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web. Continuando nella navigazione ne accetti l'uso.